Passa ai contenuti principali

GUIDONIA PARA SHOW

Guidonia. 27 squadre, 130 atleti, 1800 lanci: i primi numeri del Para Show

Guidonia. 27 squadre, 130 atleti, 1800 lanci: i primi numeri del Para Show

       

27 squadre, 130 atleti, 1800 lanci per 4 giorni di grande spettacolo proprio nei cieli di . Iniziano ad emergere i numeri della IX edizione del , che tra pochi giorni accoglierà al suo interno i Campionati Italiani di Paracadutismo Sportivo delle discipline in caduta libera nella suggestiva e significativa location dell’Aeroporto Militare Alfredo Barbieri di Guidonia, grazie alla collaborazione dell’Aeronautica Militare e dell’amministrazione comunale con l’Aero Club Italia, rappresentato per l’occasione dall’Aero Club Real Lazio e dalla SS Lazio. Tutti i lanci si svolgono nella TMA (Regione Terminale di Controllo Aereo) di Roma, la più ampia del Paese, che gestisce ogni giorno flussi di traffico più che intensi con picchi di 3000 aerei in volo contemporaneamente e circa 1300 traffici terminali sugli aeroporti di Roma: un numero così elevato di lanci è possibile solo grazie al coordinamento dell’ufficio Operazioni di Roma ACC, il servizio coordinamento e controllo dell’Aeronautica Militare e l’ufficio Operazione del 60° stormo di Guidonia.“I tre organismi addetti al controllo aereo, sotto la supervisione di ENAC (Direzione Aeroportuale di Fiumicino), hanno creato  - raccontano gli organizzatori – per l’occasione uno speciale spazio aereo, una sorta di cilindro di 3 miglia di diametro, alto 4500 metri dentro al quale gli aerei dedicati all’evento si potranno muovere indisturbati senza intralciare l’intenso traffico della Capitale”. Quattro giorni  di sport, emozioni e spettacolo: dal 27 al 30 agosto i cieli di Guidonia saranno pieni di gente, tutti con gli occhi puntati al cielo, dal quale scenderanno gli atleti più validi del panorama sportivo italiano, per una disciplina, il paracadutismo sportivo, che torna a Guidonia dopo i mondiali del 1976.
 
 

Commenti

Post popolari in questo blog

Ordinanza cautelare e decreto sequestro

SABATO 11 GENNAIO 2014       ordinanza cautelare e decreto sequestro. rifiuti Roma Latina 1a parte Cerroni Landi Rando Sicignano Fegatelli De Filippis Giovannetti   N. 7449/2008 R.G.N.R. N. 13928/2008 R.G.GIP T R I B U N A L E O R D I N A R I O D I R O M A   SEZIONE DEI GIUDICI PER LE INDAGINI PRELIMINARI - UFFICIO 5° (tel. 0638792047 – fax 0638792548) ORDINANZA APPLICATIVA DI MISURE CAUTELARI PERSONALI   E DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO - art. 272 e seg., 321 c.p.p. -    Il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale Ordinario di Roma, ufficio 5°, dott. Massimo Battistini, letti gli atti del procedimento penale recante i numeri suindicati nei confronti di:   1. 1. CERRONI Manlio nato il 18 novembre 1926 a Pisoniano (RM) , ivi anagraficamente residente in via Colle n. 42, residente di fatto in Roma, Piazzale Roberto Schuman n. 29, elettivamente domiciliato presso   l’avv. Giorgio Martellino con studio in Rom

I PROBLEMI DI MARCO SIMONE

RACCOLTE DI FIRME FINITE NEL DIMENTICATOIO: A MARCO SIMONE CHIEDONO SOLUZIONI PER TROPPI E GRAVI DISSERVIZI di Simona Boenzi Allagamenti, fogne che straripano, segnaletiche inesistenti, mezzi per il trasporto pubblico e scolastico che funzionano a metà, dossi e messa in sicurezza delle vie, marciapiedi che restano nei sogni dei residenti, scuole, parchi pubblici. Un elenco di disservizi lungo così solo per una circoscrizione che fa parte del comune di Guidonia Montecelio, terzo nel Lazio: Marco Simone. Un elenco di richieste e petizioni raccolte, indirizzate ai settori preposti, protocollate e finite nel dimenticatoio di qualche cassetto negli uffici comunali. Per l'ennesima volta i cittadini si ritrovano e ricominciano ad esporre tutto quello che non va. Lo hanno fatto anche stamattina a via Polibio, nel parco che loro stessi curano, una piccola isola "verde" per anziani e bambini e per incontrarsi e discutere. Ciò che preoccupa maggiormente è l'arr

Analisi ARPA Lazio sulla falda inquinata all'Inviolata di Guidonia

La situazione, dopo oltre sette anni di interventi è lontana dall'essere risolta, anche a causa di ritardi ed omissioni da parte dei vari soggetti istituzionali coinvolti. Leggi qui il comunicato:  http://www.aniene.net/ scarica/2019/ 2019-02-20_Comstampa-analis i-acque-falda-arpa.pdf