Passa ai contenuti principali

Autorizzazione all'installazione di un deposito di stoccaggio di oli minerali in Comune di Guidonia

Regione Lazio


 
 
 
DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE
 
 
Atti dirigenziali di Gestione
Determinazione 22 luglio 2015, n. G09081

COSTRUZIONI CONGLOMERATI ED AFFINI S.r.l. – L. 239/2004 art. 1 comma 56 lett.a – Autorizzazione all'installazione di un deposito di stoccaggio di oli minerali in Comune di Guidonia Montecelio (Roma), Via Casal Bianco n. 269.

 
 

OGGETTO: COSTRUZIONI CONGLOMERATI ED AFFINI S.r.l. L. 239/2004 art. 1 comma 56 lett. a – Autorizzazione all’installazione di un deposito di stoccaggio di oli minerali in Comune di
Guidonia Montecelio (Roma), Via Casal Bianco n. 269.
IL DIRETTORE REGIONALE per lo SVILUPPO ECONOMICO e le ATTIVITA’ PRODUTTIVE

Vista l’Organizzazione generale interna dell’Amministrazione regionale ed i suoi doveri
Istituzionali esterni, come da:
- Statuto della Regione Lazio;
- Disciplina del sistema organizzativo della Giunta e del Consiglio e disposizioni relative
alla dirigenza ed al personale regionale, L.R. 18 febbraio 2002, n.6 e s.m.i;
- Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi della Giunta regionale, 6
settembre 2002, n.1 e s.m.i.;

Visto il DPR 18 aprile 1994, n. 420 inerente le procedure di Concessione per l’installazione di
impianti di lavorazione o di deposito di oli minerali;

Vista la Legge 23 agosto 2004, n. 239, avente ad oggetto: “ Disposizioni sul riordino del settore
energetico, nonché delega al Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di
energia” e successive modifiche;

Visto il D.Lgs 06/09/2011, n. 159, modificato dal D.Lgs. 15/11/2012, n. 218 e dal D.Lgs.
13/10/2014, n. 153;

Vista la Circolare MAP n.165 del 7 ottobre 2004 della Direzione Generale per l’Energia e le
Risorse Minerarie - Ufficio C4, recante le prime indicazioni per il settore petrolifero a
seguito dell’entrata in vigore della L.239/2004;

Considerato che con l’entrata in vigore della sopraindicata Legge 239/2004, le competenze
amministrative relative all’attività sugli Oli minerali e sul G.P.L. sono state trasferite alle Regioni;

 
 
 

Vista la legge 4 aprile 2012, n. 35 “Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 9 febbraio
2012, n. 5, recante disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo”;
Vista listanza del 26/06/2014 della Costruzioni Conglomerati ed Affini S.r.l., acquisita agli atti
regionali con prot. n. 406740 del 15/07/2014, con la quale chiede l’autorizzazione all’installazione
di un deposito di stoccaggio di oli minerali ad uso industriale, in Comune di Guidonia Montecelio (Roma),
Via Casal Bianco n. 269, per una capacità volumetrica
complessiva di mc. 183,5;
 

 
Preso atto che l’oggetto dell’istanza di cui al precedente paragrafo non ricade nella fattispecie di cui
alla Legge n. 35/2012;

Considerato che in merito alla suddetta richiesta, risultano essere stati acquisiti, come da
documentazione agli atti:

- il parere favorevole rilasciato, ai soli fini fiscali, dall’Ufficio delle Dogane di Roma 1, con
nota prot. n. 47242 del 10/11/2014;
- il parere favorevole con prescrizioni rilasciato, dal Comando Provinciale dei Vigili del

Fuoco di Roma Uff. Prev. Incendi di Tivoli con nota prot. n. 53485 del 20/10/2014;
- il nulla osta alla realizzazione del deposito di stoccaggio di oli minerali rilasciato, dalla ASL

Roma “G” di Guidonia Montecelio, con nota prot. n. 599 del 12/02/2015;
- il parere favorevole con prescrizione rilasciato, dal Comune di Guidonia Montecelio
Area IV Urbanistica e Attività Estrattive rilasciato con nota prot. n. 21202 del 10/03/2015.
 

Considerato che la Società Costruzioni Conglomerati ed Affini a,r.l. ha corredato l’istanza predetta
con tutta la documentazione prevista in materia e che dalla stessa documentazione, con
perizia giurata, a firma dell’Ing. Fiorenzo Falsetto, regolarmente iscritto all’Albo degli

ingegneri della Provincia di Roma, al n. 7894, si certifica, tra l’altro, la conformità del
progetto alle prescrizioni di Legge, ed in particolare alla normativa in vigore per quanto
concerne la materia urbanistica, ed alle norme ed ai dispositivi di sicurezza adottati ed

installati presso l’impianto, il tutto nel rispetto di quanto disposto dal Decreto
Legislativo 81/08, e che la consistenza del deposito di stoccaggio di oli minerali è la
seguente:

N. 3 serbatoi metallici f.t. della capacità di mc. 35 cadauno contenenti Bitume;
N. 1 serbatoio metallico f.t. della capacità di mc. 50 contenente Olio Combustibile BTZ;
N. 2 serbatoi metallici f.t. rispettivamente da mc. 9 e 7 contenenti Gasolio;
N. 1 serbatoio metallico interrato da mc. 12,5 contenente G.P.L.

Per una capacità volumetrica complessiva di mc. 183,5.

Considerato che la Società ha la disponibilità dell’area su cui insiste il deposito, di proprietà della
Immobiliare Isep S.r.l., in virtù del contrato di locazione registrato all’Agenzia delle Entrate di Roma
con il n. 5049 Serie 3 del 20/03/2008;

Preso Atto di tutta la documentazione, ivi inclusa quella relativa al D.U.R.C., Casellario Giudiziale e
Certificato Antimafia, oltreché degli elaborati tecnici presentati, e ritenuto che gli stessi sono esaurienti ai fini dell’adozione del presente atto;
Accertato che ricorrono le condizioni previste per il rilascio dell’Autorizzazione alla Costruzioni
Conglomerati ed Affini S.r.l., per l’installazione di un deposito di stoccaggio di oli minerali
ad uso privato, in Comune di Guidonia Montecelio (Roma), Via Casal Bianco n. 269, per
una capacità volumetrica complessiva di mc. 183,5;
Considerato quanto sopra:
DETERMINA
Per le motivazioni in premessa che costituiscono parte integrante e sostanziale della presente
Determinazione,

1) di Autorizzare, ai sensi dell’art. 1 comma 56 lett. a) della Legge 23 agosto 2004 n. 239, la
Costruzioni Conglomerati ed Affini S.r.l., con sede legale in Roma, Via Franco Angeli n. 5
P.IVA e C.F. 004978531004 – all’installazione di un deposito di stoccaggio di oli minerali, ad
uso industriale, in Comune di Guidonia Montecelio (Roma), Via Casal Bianco n. 269, che a
lavori ultimati avrà una consistenza complessiva di mc. 183,5 cosi suddivisa:

N. 3 serbatoi metallici f.t. della capacità di mc. 35 cadauno contenenti Bitume;

N.1 serbatoio metallico f.t. della capacità di mc. 50 contenente Olio Combustibile BTZ;

N. 2 serbatoi metallici f.t. rispettivamente da mc. 9 e 7 contenenti Gasolio;

N. 1 serbatoio metallico interrato da mc. 12,5 contenente G.P.L.


Per una capacità volumetrica complessiva di mc. 183,5.

 
2) La Società predetta sarà tenuta ad ultimare gli interventi stessi non oltre un anno a decorrere

dalla presente autorizzazione, pena la decadenza.

3) Nell’esecuzione dei lavori la Costruzioni Conglomerati ed Affini S.r.l., dovrà attenersi a tutte

le prescrizioni formulate dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Roma Uff. Prev.

Incendi di Tivoli-, dal Comune di Guidonia Montecelio, nonché a quelle che potranno essere

impartite in sede di collaudo che verrà effettuato da parte dell’apposita Commissione, la cui

composizione verrà successivamente definita nel rispetto dell’art. 3 della legge 07/05/1965 n.

460, nonché del D.P.R. n. 420/94.

4) Solo dopo la conclusione favorevole del collaudo, la Società potrà avviare l’esercizio del

nuovo deposito nella consistenza di cui alla presente autorizzazione, previa acquisizione della
SCIA e della Licenza fiscale di esercizio, che faranno parte integrante della presente
autorizzazione.

5) Per l’attività in oggetto, resta comunque a carico dell’operatore l’obbligo all’osservanza delle
vigenti disposizioni in materia ambientale, sanitaria, fiscale, di sicurezza, di prevenzione
incendio.
6) Sono fatti altresì salvi gli indirizzi e gli obiettivi generali di politica energetica, nonché la
successiva individuazione dei criteri e modalità per il rilascio delle autorizzazioni
all’installazione ed all’esercizio degli impianti di lavorazione e stoccaggio di oli minerali, in

applicazione dell’art. 1, comma 8, lettera c, punto 5, della richiamata Legge 239/2004.

La presente Autorizzazione sarà notificata alla Società richiedente che dovrà conservarla insieme al
successivo Verbale di Collaudo, al certificato di prevenzione incendi e della licenza di esercizio, per
ogni esigenza degli Organi di controllo; sarà altresì inviata per conoscenza al Comando Provinciale

dei Vigili del Fuoco di Roma - Uff. Prev. Incendi di Tivoli , all’Ufficio delle Dogane di Roma 1 ed al

Comune di Guidonia Montecelio (Roma).
Il presente atto sarà pubblicato sul B.U.R.L. e sul WEB regionale.
Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso giurisdizionale innanzi al Tribunale
Amministrativo Regionale del Lazio nel termine di 60 giorni dalla pubblicazione, ovvero, ricorso straordinario al Capo dello Stato entro il termine di 120 giorni.
 
 
Il Direttore
Rosanna Bellotti

30/07/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 61 - Supplemento n. 1

Commenti

Post popolari in questo blog

Ordinanza cautelare e decreto sequestro

SABATO 11 GENNAIO 2014       ordinanza cautelare e decreto sequestro. rifiuti Roma Latina 1a parte Cerroni Landi Rando Sicignano Fegatelli De Filippis Giovannetti   N. 7449/2008 R.G.N.R. N. 13928/2008 R.G.GIP T R I B U N A L E O R D I N A R I O D I R O M A   SEZIONE DEI GIUDICI PER LE INDAGINI PRELIMINARI - UFFICIO 5° (tel. 0638792047 – fax 0638792548) ORDINANZA APPLICATIVA DI MISURE CAUTELARI PERSONALI   E DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO - art. 272 e seg., 321 c.p.p. -    Il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale Ordinario di Roma, ufficio 5°, dott. Massimo Battistini, letti gli atti del procedimento penale recante i numeri suindicati nei confronti di:   1. 1. CERRONI Manlio nato il 18 novembre 1926 a Pisoniano (RM) , ivi anagraficamente residente in via Colle n. 42, residente di fatto in Roma, Piazzale Roberto Schuman n. 29, elettivamente domiciliato presso   l’avv. Giorgio Martellino con studio in Rom

I PROBLEMI DI MARCO SIMONE

RACCOLTE DI FIRME FINITE NEL DIMENTICATOIO: A MARCO SIMONE CHIEDONO SOLUZIONI PER TROPPI E GRAVI DISSERVIZI di Simona Boenzi Allagamenti, fogne che straripano, segnaletiche inesistenti, mezzi per il trasporto pubblico e scolastico che funzionano a metà, dossi e messa in sicurezza delle vie, marciapiedi che restano nei sogni dei residenti, scuole, parchi pubblici. Un elenco di disservizi lungo così solo per una circoscrizione che fa parte del comune di Guidonia Montecelio, terzo nel Lazio: Marco Simone. Un elenco di richieste e petizioni raccolte, indirizzate ai settori preposti, protocollate e finite nel dimenticatoio di qualche cassetto negli uffici comunali. Per l'ennesima volta i cittadini si ritrovano e ricominciano ad esporre tutto quello che non va. Lo hanno fatto anche stamattina a via Polibio, nel parco che loro stessi curano, una piccola isola "verde" per anziani e bambini e per incontrarsi e discutere. Ciò che preoccupa maggiormente è l'arr

Analisi ARPA Lazio sulla falda inquinata all'Inviolata di Guidonia

La situazione, dopo oltre sette anni di interventi è lontana dall'essere risolta, anche a causa di ritardi ed omissioni da parte dei vari soggetti istituzionali coinvolti. Leggi qui il comunicato:  http://www.aniene.net/ scarica/2019/ 2019-02-20_Comstampa-analis i-acque-falda-arpa.pdf