Passa ai contenuti principali

PREMIAZIONE "IL PARCO CHE VORREI"

Si è tenuta il 19 maggio 2011, presso la scuola elementare di Via Appennini a Santa Lucia di Fonte Nuova, la cerimonia di premiazione del concorso “Il Parco che vorrei”, bandito dall'Associazione onlus “Amici dell'Inviolata” e riservato agli istituti scolastici del territorio circostante il Parco regionale dell'Inviolata di Guidonia. Alla cerimonia hanno presenziato, oltre agli alunni delle classi VA e VB coinvolte nel concorso, alcuni soci dell'associazione, il sindaco di Fonte Nuova, Graziano Di Buò, ed il personale scolastico.

Nel ringraziare le maestre e gli studenti, il presidente dell'associazione, Umberto Calamita, ha detto: “E' fondamentale che il polmone verde dell'Inviolata, che si trova davanti alle case di Santa Lucia, divenga un parco fruibile a tutti. E' un patrimonio che dobbiamo lasciare alle giovani generazioni che hanno partecipato in modo così entusiastico a questo concorso”.

A tutti i ragazzi delle due classi – che hanno svolto un ottimo lavoro, consistente in un lunghissimo disegno di oltre 20 m! – è stata consegnata un'opera in ceramica cotta rappresentante il “Torraccio dell'Inviolata” (uno dei più insigni monumenti di epoca romana presenti nel Parco) e realizzata da un artigiano locale. Inoltre, sono state donate copie della bellissima “Triade capitolina” alle classi ed alla scuola stessa.

“Il Parco dell'Inviolata è importante perché costituisce un freno alla speculazione edilizia – ha detto Di Buò – e noi, come Amministrazione di Fonte Nuova, ci adopereremo per facilitarne la fruizione pubblica”.

I giovani – e l'hanno dimostrato ampiamente – sono sensibili all'ambiente, al rispetto della natura. Se le Amministrazioni locali continueranno invece a ferire il nostro territorio ed a degradarlo con colate di asfalto e cemento, con impianti inquinanti e non condivisi dalla popolazione, le aspettative e la sensibilità dei nostri giovani saranno deluse e tradite.


Associazione onlus
“Amici dell'Inviolata”

Commenti

Post popolari in questo blog

Ordinanza cautelare e decreto sequestro

SABATO 11 GENNAIO 2014       ordinanza cautelare e decreto sequestro. rifiuti Roma Latina 1a parte Cerroni Landi Rando Sicignano Fegatelli De Filippis Giovannetti   N. 7449/2008 R.G.N.R. N. 13928/2008 R.G.GIP T R I B U N A L E O R D I N A R I O D I R O M A   SEZIONE DEI GIUDICI PER LE INDAGINI PRELIMINARI - UFFICIO 5° (tel. 0638792047 – fax 0638792548) ORDINANZA APPLICATIVA DI MISURE CAUTELARI PERSONALI   E DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO - art. 272 e seg., 321 c.p.p. -    Il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale Ordinario di Roma, ufficio 5°, dott. Massimo Battistini, letti gli atti del procedimento penale recante i numeri suindicati nei confronti di:   1. 1. CERRONI Manlio nato il 18 novembre 1926 a Pisoniano (RM) , ivi anagraficamente residente in via Colle n. 42, residente di fatto in Roma, Piazzale Roberto Schuman n. 29, elettivamente domiciliato presso   l’avv. Giorgio Martellino con studio in Rom

I PROBLEMI DI MARCO SIMONE

RACCOLTE DI FIRME FINITE NEL DIMENTICATOIO: A MARCO SIMONE CHIEDONO SOLUZIONI PER TROPPI E GRAVI DISSERVIZI di Simona Boenzi Allagamenti, fogne che straripano, segnaletiche inesistenti, mezzi per il trasporto pubblico e scolastico che funzionano a metà, dossi e messa in sicurezza delle vie, marciapiedi che restano nei sogni dei residenti, scuole, parchi pubblici. Un elenco di disservizi lungo così solo per una circoscrizione che fa parte del comune di Guidonia Montecelio, terzo nel Lazio: Marco Simone. Un elenco di richieste e petizioni raccolte, indirizzate ai settori preposti, protocollate e finite nel dimenticatoio di qualche cassetto negli uffici comunali. Per l'ennesima volta i cittadini si ritrovano e ricominciano ad esporre tutto quello che non va. Lo hanno fatto anche stamattina a via Polibio, nel parco che loro stessi curano, una piccola isola "verde" per anziani e bambini e per incontrarsi e discutere. Ciò che preoccupa maggiormente è l'arr

Analisi ARPA Lazio sulla falda inquinata all'Inviolata di Guidonia

La situazione, dopo oltre sette anni di interventi è lontana dall'essere risolta, anche a causa di ritardi ed omissioni da parte dei vari soggetti istituzionali coinvolti. Leggi qui il comunicato:  http://www.aniene.net/ scarica/2019/ 2019-02-20_Comstampa-analis i-acque-falda-arpa.pdf