Passa ai contenuti principali
PRESENTAZIONE STUDIO EPIDEMIOLOGICO E.R.A.S.
ORE 17.30, AULA CONSILIARE 
 PIAZZA ITALIA , COLLEFERRO

UN NUOVO STUDIO ACCUSA I DUE INCENERITORI
 +79% MALATTIE POLMONARI CRONICO OSTRUTTIVE
+78% INFEZIONI
ACUTE DELL’APPARATO RESPIRATO-

          RIO NEI BAMBINI
+31% MALATTIE A CARICO DELL’APPARATO RESPIRA-
          TORIO

I CRIMINI CONTRO LA VITA LI CHIAMANO ERRORI!
Dopo il
grande successo della manifestazione del 6 Ottobre – SEI UNO ZERO, l'Ugi (Unione Giovani Indipendenti) e l'A.MA. (Associazione Mamme Colleferro) , due delle associazioni facenti parte del  Coordinamento Valle del Sacco, promotore dell’evento, continuano la loro campagna di informazione riguardo la gravissima situazione sanitaria ed ambientale della Valle del Sacco.
Un nuovo studio epidemiologico, condotto all'interno del progetto ERAS Lazio realizzato dall'ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente), getta nuova luce sul pesantissimo impatto che i due impianti di incenerimento rifiuti siti a Colleferro hanno sulla salute dei residenti della cittadina e dell'intero comprensorio, da Artena a Segni, a Gavignano.
Lo studio non fa altro che confermare le tesi di chi per anni è stato tacciato di allarmismo perché
denunciava i rischi sulla salute e sull’ambiente causati dall’incenerimento dei rifiuti.
Dalle analisi si riscontra un peggioramento dello stato di salute della popolazione dopo l'attivazione degli impianti
, evidenziando picchi drammatici: +79% di ricoveri per malattie polmonari cronico ostruttive, +31% per malattie dell'apparato respiratorio e +78% di infezioni acute dell'apparato respiratorio nei bambini.
Per la prima volta viene stabilito un chiaro legame di causa-effetto tra l'attività dei due inceneritori di Colleferro ed il progressivo aggravamento delle condizioni di salute degli abitanti della Valle.
L’assenza della parola “tumore” all’interno dei dati non deve ingannare. Lo studio, infatti, “
considerando che l'inizio di attività degli impianti e stato fissato al 1° Gennaio 2003, periodo relativamente recente ” non prende in considerazione “la mortalità o l'occorrenza di patologie tumorali o di patologie croniche ” insorgenti sul campione di popolazione preso in esame, senza perdere l'occasione , tuttavia, di sottolineare come da precedenti indagini epidemiologiche nella Valle del Sacco fosse emerso un eccesso di decessi per tutti i tumori e per alcuni tumori specifici (stomaco, laringe, polmoni, pleura e mielomi) tra gli uomini, mentre tra le donne si è riscontrato un aumento dei decessi per diabete ”.
Vogliamo aspettare che passino ancora degli anni, per vederci confermato che 'incremento dei tumori e l'attività degli inceneritori sono indissolubilmente legati a doppio filo? Per piangere, col senno del poi, altri morti?


E-mail:
ugi.stampa@hotmail.it                     Su Facebook: A.MA. Associazione Mamme Colleferro
Sito web:
www.ugionline.it                         E-mail: a.elisanardone@hotmail.it
Su Facebook:
Unione Giovani Indipendenti
Cell: 3809060638


Commenti

Post popolari in questo blog

Ordinanza cautelare e decreto sequestro

SABATO 11 GENNAIO 2014       ordinanza cautelare e decreto sequestro. rifiuti Roma Latina 1a parte Cerroni Landi Rando Sicignano Fegatelli De Filippis Giovannetti   N. 7449/2008 R.G.N.R. N. 13928/2008 R.G.GIP T R I B U N A L E O R D I N A R I O D I R O M A   SEZIONE DEI GIUDICI PER LE INDAGINI PRELIMINARI - UFFICIO 5° (tel. 0638792047 – fax 0638792548) ORDINANZA APPLICATIVA DI MISURE CAUTELARI PERSONALI   E DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO - art. 272 e seg., 321 c.p.p. -    Il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale Ordinario di Roma, ufficio 5°, dott. Massimo Battistini, letti gli atti del procedimento penale recante i numeri suindicati nei confronti di:   1. 1. CERRONI Manlio nato il 18 novembre 1926 a Pisoniano (RM) , ivi anagraficamente residente in via Colle n. 42, residente di fatto in Roma, Piazzale Roberto Schuman n. 29, elettivamente domiciliato presso   l’avv. Giorgio Martellino con studio in Rom

I PROBLEMI DI MARCO SIMONE

RACCOLTE DI FIRME FINITE NEL DIMENTICATOIO: A MARCO SIMONE CHIEDONO SOLUZIONI PER TROPPI E GRAVI DISSERVIZI di Simona Boenzi Allagamenti, fogne che straripano, segnaletiche inesistenti, mezzi per il trasporto pubblico e scolastico che funzionano a metà, dossi e messa in sicurezza delle vie, marciapiedi che restano nei sogni dei residenti, scuole, parchi pubblici. Un elenco di disservizi lungo così solo per una circoscrizione che fa parte del comune di Guidonia Montecelio, terzo nel Lazio: Marco Simone. Un elenco di richieste e petizioni raccolte, indirizzate ai settori preposti, protocollate e finite nel dimenticatoio di qualche cassetto negli uffici comunali. Per l'ennesima volta i cittadini si ritrovano e ricominciano ad esporre tutto quello che non va. Lo hanno fatto anche stamattina a via Polibio, nel parco che loro stessi curano, una piccola isola "verde" per anziani e bambini e per incontrarsi e discutere. Ciò che preoccupa maggiormente è l'arr

Analisi ARPA Lazio sulla falda inquinata all'Inviolata di Guidonia

La situazione, dopo oltre sette anni di interventi è lontana dall'essere risolta, anche a causa di ritardi ed omissioni da parte dei vari soggetti istituzionali coinvolti. Leggi qui il comunicato:  http://www.aniene.net/ scarica/2019/ 2019-02-20_Comstampa-analis i-acque-falda-arpa.pdf