Passa ai contenuti principali

IL TMB ALL'INVIOLATA E' ILLEGITTIMO: VA DEMOLITO!

IL TMB ALL'INVIOLATA E' ILLEGITTIMO: VA DEMOLITO!

            Ancora una volta il Ministero dei Beni culturali e paesaggistici, con la nota del 15 maggio scorso venuta a nostra conoscenza solo oggi, ha ribadito l'illegittimità del procedimento autorizzativo alla costruzione del TMB seguito dalla Regione Lazio ma, stavolta, ha richiesto agli uffici regionali “la revoca, in via di autotutela, degli atti e titoli abilitativi emessi, in quanto evidentemente viziati da illegittimità”.
            In particolare, il MIBACT e la Soprintendenza ai Beni paesaggistici del Lazio fanno sapere che ben tre lettere di richiesta di chiarimento, circa il procedimento adottato dalla Regione Lazio per autorizzare il megaimpianto per il trattamento dei rifiuti all'Inviolata di Guidonia, sono rimaste senza risposta. Il Dipartimento regionale, che nel 2009 (Determina dirigenziale n.0526, per il sesto invaso di discarica) e nel 2010 (Determina dirigenziale n.C1869 per il TMB) licenziò l'AIA autorizzativa a favore di Ecoitalia '87 e del CO.LA.RI., entrambe società di Manlio Cerroni, ha emesso “provvedimenti in carenza del necessario parere paesaggistico” e, nonostante la richiesta di conoscerne la ragione, non ha dato riscontro agli uffici ministeriali.
            Se un manufatto non ha i titoli abilitativi per la sua costruzione va demolito: così ci insegnano i manuali di urbanistica e le norme regionali e comunali. Cosa aspettano le autorità municipali di Guidonia Montecelio a prendere le distanze da quell'inutile ed illegittima costruzione nel bel mezzo del Parco naturale archeologico dell'Inviolata? Ma il Consiglio regionale del Lazio non aveva approvato una risoluzione, in seguito agli arresti “eccellenti” di gennaio, con la quale si impegnava a ricontrollare tutte le autorizzazioni rilasciate a Cerroni? I cittadini le distanze dall'ecomostro le hanno già prese e non “stanno a dormire”. Tra l'altro, il 9 luglio prossimo il TAR del Lazio discuterà il ricorso proposto nel gennaio 2008 dalle associazioni locali contro il Decreto n.93 emesso dall'allora Commissario all'Emergenza rifiuti, Piero Marrazzo, che autorizzò in via preliminare l'impianto TMB all'Inviolata.
            Gli “impicci”, i favoritismi, le connessioni pubblico-private nella gestione dei rifiuti nel Lazio sono oggetto, in questi giorni, del maxiprocesso per “associazione a delinquere” presso la Procura della Repubblica di Roma contro Cerroni e soci. Il Tribunale di Tivoli ha posto sotto sequestro il sesto invaso della discarica dell'Inviolata per la illegittima carenza di parere paesaggistico, nello scorso marzo su nostra segnalazione. Ed ugualmente su nostra iniziativa, il TAR del Lazio, sempre in marzo, ha decretato illegittime la Determina regionale di “variante non sostanziale” di maggio 2013 e soprattutto la ferragostana “Ordinanza Smeriglio”, che portò altri 75.000 mc di rifiuti sul sesto invaso della discarica già stracolma, senza curarsi della ormai decennale contaminazione delle falde sottostanti la discarica da sostanze organiche ed inorganiche.
            Pervicacemente, l'Amministrazione Rubeis, senza opposizione in Consiglio comunale, vuole ancora sfruttare quell'area per varianti urbanistiche che porteranno centinaia di nuove case ed un Centro direzionale nella paesaggisticamente preziosa area di Tor Mastorta-Selciatella.
            C'è ancora qualcuno che pensa di fare affari all'Inviolata?
SE LO SCORDI!
I cittadini e le associazioni locali lo impediranno!

Comitato per il Risanamento ambientale di Guidonia e Fonte Nuova

Commenti

Post popolari in questo blog

Ordinanza cautelare e decreto sequestro

SABATO 11 GENNAIO 2014       ordinanza cautelare e decreto sequestro. rifiuti Roma Latina 1a parte Cerroni Landi Rando Sicignano Fegatelli De Filippis Giovannetti   N. 7449/2008 R.G.N.R. N. 13928/2008 R.G.GIP T R I B U N A L E O R D I N A R I O D I R O M A   SEZIONE DEI GIUDICI PER LE INDAGINI PRELIMINARI - UFFICIO 5° (tel. 0638792047 – fax 0638792548) ORDINANZA APPLICATIVA DI MISURE CAUTELARI PERSONALI   E DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO - art. 272 e seg., 321 c.p.p. -    Il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale Ordinario di Roma, ufficio 5°, dott. Massimo Battistini, letti gli atti del procedimento penale recante i numeri suindicati nei confronti di:   1. 1. CERRONI Manlio nato il 18 novembre 1926 a Pisoniano (RM) , ivi anagraficamente residente in via Colle n. 42, residente di fatto in Roma, Piazzale Roberto Schuman n. 29, elettivamente domiciliato presso   l’avv. Giorgio Martellino con studio in Rom

I PROBLEMI DI MARCO SIMONE

RACCOLTE DI FIRME FINITE NEL DIMENTICATOIO: A MARCO SIMONE CHIEDONO SOLUZIONI PER TROPPI E GRAVI DISSERVIZI di Simona Boenzi Allagamenti, fogne che straripano, segnaletiche inesistenti, mezzi per il trasporto pubblico e scolastico che funzionano a metà, dossi e messa in sicurezza delle vie, marciapiedi che restano nei sogni dei residenti, scuole, parchi pubblici. Un elenco di disservizi lungo così solo per una circoscrizione che fa parte del comune di Guidonia Montecelio, terzo nel Lazio: Marco Simone. Un elenco di richieste e petizioni raccolte, indirizzate ai settori preposti, protocollate e finite nel dimenticatoio di qualche cassetto negli uffici comunali. Per l'ennesima volta i cittadini si ritrovano e ricominciano ad esporre tutto quello che non va. Lo hanno fatto anche stamattina a via Polibio, nel parco che loro stessi curano, una piccola isola "verde" per anziani e bambini e per incontrarsi e discutere. Ciò che preoccupa maggiormente è l'arr

Analisi ARPA Lazio sulla falda inquinata all'Inviolata di Guidonia

La situazione, dopo oltre sette anni di interventi è lontana dall'essere risolta, anche a causa di ritardi ed omissioni da parte dei vari soggetti istituzionali coinvolti. Leggi qui il comunicato:  http://www.aniene.net/ scarica/2019/ 2019-02-20_Comstampa-analis i-acque-falda-arpa.pdf