Passa ai contenuti principali

Lo Stato paga la baby sitter Ma le italiane non lo sanno



Roba da non crederci. La possibilità di avere 300 euro al mese da spendere per la baby sitter o per l’asilo quando si torna al lavoro dopo la maternità. E le italiane che non ne approfittano. Stupisce davvero quanto successo lo scorso anno con i voucher baby sitter introdotti dalla legge Fornero. Eppure una spiegazione c’è. La solita, purtroppo: burocrazia, poche informazioni, confusione. Il peggio è che questi soldi rischiano di non essere spesi nemmeno quest’anno e l’anno prossimo.
Ma andiamo con ordine. La legge Fornero (numero 92 del 2013), oltre a modificare l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, aveva introdotto un incentivo dedicato alle donne che volevano tornare presto al lavoro dopo la maternità. Avete presente il congedo parentale, cioè i sei mesi pagati al 30% dopo i cinque mesi di assenza obbligatoria per la maternità? Le neomamme che invece di restare a casa con l’assegno dell’Inps tornavano al lavoro, l’anno scorso potevano chiedere dei buoni lavoro per pagare l’asilo o la baby sitter. Valore: 300 euro al mese per sei mesi, in tutto 1.800 euro. La misura era stata finanziata con 20 milioni di euro per il 2013, soldi sufficienti per pagare i voucher a 11 mila donne. Poche, si dirà, rispetto alla platea potenziale. Mica tanto: alla fine sono arrivate meno di 4.000 domande. 3.762 per la precisione. Di conseguenza è stato speso soltanto il 37% dei fondi.
Possibile? Beh, se si vanno a vedere le modalità che consentivano l’accesso ai fondi allora vien da dire che è quasi un miracolo che abbiano risposto in 3.762. La questione è stata sollevata nelle scorse settimane dall’onorevole Pd Vittoria D’Incecco. “Il problema è che l’iter per riuscire a ottenere i fondi era troppo complicato e poco pubblicizzato. Ci sono altri 20 milioni stanziati per quest’anno e altrettanti per il 2015. Non possiamo permetterci un altro flop”, osserva d’Incecco.
Difficile darle torto. Vediamo allora questi problemi. Primo: gli asili accreditati presso l’Inps dove è possibile spendere i voucher sono una minima parte. Poi la richiesta del contributo andava fatta via Internet. Il tutto attraverso il sito dell’Inps e in un giorno ben preciso: il 28 luglio 2013. Insomma, peggio di una caccia al tesoro. E poi Internet non è una modalità di accesso facile per tutti. Quest’anno ci sarà un nuovo click day? “Dovrebbe. Ma al momento non si sa quale sia il giorno da segnare sul calendario. La mia proposta è che prima di incorrere in un altro flop si cambi sistema. Magari passando dal buono lavoro, che richiede un complesso meccanismo di tracciabilità per evitare che vada speso in modo improprio, a un voucher da usare per qualsiasi tipo di lavoro di cura familiare”.
Una cosa è certa. Le risorse pubbliche per la conciliazione sono ridotte al lumicino. Non ci si può permettere di sprecare i pochi fondi a disposizione con misure inefficaci.

Fonte: http://27esimaora.corriere.it/

Commenti

Post popolari in questo blog

Ordinanza cautelare e decreto sequestro

SABATO 11 GENNAIO 2014       ordinanza cautelare e decreto sequestro. rifiuti Roma Latina 1a parte Cerroni Landi Rando Sicignano Fegatelli De Filippis Giovannetti   N. 7449/2008 R.G.N.R. N. 13928/2008 R.G.GIP T R I B U N A L E O R D I N A R I O D I R O M A   SEZIONE DEI GIUDICI PER LE INDAGINI PRELIMINARI - UFFICIO 5° (tel. 0638792047 – fax 0638792548) ORDINANZA APPLICATIVA DI MISURE CAUTELARI PERSONALI   E DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO - art. 272 e seg., 321 c.p.p. -    Il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale Ordinario di Roma, ufficio 5°, dott. Massimo Battistini, letti gli atti del procedimento penale recante i numeri suindicati nei confronti di:   1. 1. CERRONI Manlio nato il 18 novembre 1926 a Pisoniano (RM) , ivi anagraficamente residente in via Colle n. 42, residente di fatto in Roma, Piazzale Roberto Schuman n. 29, elettivamente domiciliato presso   l’avv. Giorgio Martellino con studio in Rom

I PROBLEMI DI MARCO SIMONE

RACCOLTE DI FIRME FINITE NEL DIMENTICATOIO: A MARCO SIMONE CHIEDONO SOLUZIONI PER TROPPI E GRAVI DISSERVIZI di Simona Boenzi Allagamenti, fogne che straripano, segnaletiche inesistenti, mezzi per il trasporto pubblico e scolastico che funzionano a metà, dossi e messa in sicurezza delle vie, marciapiedi che restano nei sogni dei residenti, scuole, parchi pubblici. Un elenco di disservizi lungo così solo per una circoscrizione che fa parte del comune di Guidonia Montecelio, terzo nel Lazio: Marco Simone. Un elenco di richieste e petizioni raccolte, indirizzate ai settori preposti, protocollate e finite nel dimenticatoio di qualche cassetto negli uffici comunali. Per l'ennesima volta i cittadini si ritrovano e ricominciano ad esporre tutto quello che non va. Lo hanno fatto anche stamattina a via Polibio, nel parco che loro stessi curano, una piccola isola "verde" per anziani e bambini e per incontrarsi e discutere. Ciò che preoccupa maggiormente è l'arr

Analisi ARPA Lazio sulla falda inquinata all'Inviolata di Guidonia

La situazione, dopo oltre sette anni di interventi è lontana dall'essere risolta, anche a causa di ritardi ed omissioni da parte dei vari soggetti istituzionali coinvolti. Leggi qui il comunicato:  http://www.aniene.net/ scarica/2019/ 2019-02-20_Comstampa-analis i-acque-falda-arpa.pdf