Passa ai contenuti principali

Rifiuti: sindaco pronto al blocco dell’Inviolata Rubeis: «Prima dell’ok alla nuova discarica va valutato l’inquinamento»


GUIDONIA


Valori di manganese cento volte superiori al normale, ma anche presenze anomale di tallio e cobalto. Sono i dati relativi alla presenza di metalli pesanti nel sottosuolo della megadiscarica dell'Inviolata arrivati dall'Arpa, sulla base dei quali ieri il sindaco di Guidonia ha annunciato di essere pronto a chiedere lo stop delle autorizzazioni regionali in corso di approvazione in favore del Colari (Consorzio laziale rifiuti) sul sito degli sversatoi. «Prima c'è da valutare il grado di compromissione ambientale» ha precisato. Un altolà che sarà formalizzato con «la richiesta - spiega una nota di Palazzo Guidoni - di sospensione della Conferenza dei servizi convocata per martedì prossimo in Regione per procedere al riesame dell'autorizzazione integrata ambientale (Aia) circa una discarica da 500mila metri cubi a servizio dell'impianto di trattamento dei rifiuti, oltre ad una richiesta di abbancamento nella parte vecchia di ulteriori 87mila tonnellate di immondizia non differenziata proveniente dai comuni fuorilegge che ancora non hanno avviato sistemi "porta a porta"», come tra l'altro imposto dall'ordinanza emessa dalla Pisana ad agosto scorso.

«E' stato accertato dall'Arpa - ha spiegato Rubeis -, attraverso i carotaggi eseguiti in 18 punti, che la presenza di inquinanti e contaminanti in alcuni casi è a livelli di allarme. Sono stati rilevati, in quantità assai consistenti, elementi estranei al rifiuto domestico come il tallio e il cobalto, circostanza che lascerebbe presupporre come in anni passati, probabilmente lontani, siano stati smaltiti rifiuti speciali e ospedalieri. La discarica dell'Inviolata paga oggi forse la impossibilità di bonificare la parte più antica, ovvero quella priva purtroppo di ogni diaframma di protezione». I dati saranno oggetto della Conferenza dei servizi comunale già convocata per il 28 gennaio. Nel "mirino" in particolare l'invaso di servizio da 500mila metri cubi «oggettivamente di una capacità di trattamento abnorme rispetto alle potenzialità dell'impianto in via di realizzazione», sospettato di poter diventare ricettacolo dell'immondizia romana. 
Elena Ceravolo (IL MESSAGGERO)

Commenti

Post popolari in questo blog

Ordinanza cautelare e decreto sequestro

SABATO 11 GENNAIO 2014       ordinanza cautelare e decreto sequestro. rifiuti Roma Latina 1a parte Cerroni Landi Rando Sicignano Fegatelli De Filippis Giovannetti   N. 7449/2008 R.G.N.R. N. 13928/2008 R.G.GIP T R I B U N A L E O R D I N A R I O D I R O M A   SEZIONE DEI GIUDICI PER LE INDAGINI PRELIMINARI - UFFICIO 5° (tel. 0638792047 – fax 0638792548) ORDINANZA APPLICATIVA DI MISURE CAUTELARI PERSONALI   E DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO - art. 272 e seg., 321 c.p.p. -    Il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale Ordinario di Roma, ufficio 5°, dott. Massimo Battistini, letti gli atti del procedimento penale recante i numeri suindicati nei confronti di:   1. 1. CERRONI Manlio nato il 18 novembre 1926 a Pisoniano (RM) , ivi anagraficamente residente in via Colle n. 42, residente di fatto in Roma, Piazzale Roberto Schuman n. 29, elettivamente domiciliato presso   l’avv. Giorgio Martellino con studio in Rom

I PROBLEMI DI MARCO SIMONE

RACCOLTE DI FIRME FINITE NEL DIMENTICATOIO: A MARCO SIMONE CHIEDONO SOLUZIONI PER TROPPI E GRAVI DISSERVIZI di Simona Boenzi Allagamenti, fogne che straripano, segnaletiche inesistenti, mezzi per il trasporto pubblico e scolastico che funzionano a metà, dossi e messa in sicurezza delle vie, marciapiedi che restano nei sogni dei residenti, scuole, parchi pubblici. Un elenco di disservizi lungo così solo per una circoscrizione che fa parte del comune di Guidonia Montecelio, terzo nel Lazio: Marco Simone. Un elenco di richieste e petizioni raccolte, indirizzate ai settori preposti, protocollate e finite nel dimenticatoio di qualche cassetto negli uffici comunali. Per l'ennesima volta i cittadini si ritrovano e ricominciano ad esporre tutto quello che non va. Lo hanno fatto anche stamattina a via Polibio, nel parco che loro stessi curano, una piccola isola "verde" per anziani e bambini e per incontrarsi e discutere. Ciò che preoccupa maggiormente è l'arr

Analisi ARPA Lazio sulla falda inquinata all'Inviolata di Guidonia

La situazione, dopo oltre sette anni di interventi è lontana dall'essere risolta, anche a causa di ritardi ed omissioni da parte dei vari soggetti istituzionali coinvolti. Leggi qui il comunicato:  http://www.aniene.net/ scarica/2019/ 2019-02-20_Comstampa-analis i-acque-falda-arpa.pdf