Passa ai contenuti principali

Traffico rifiuti, Zingaretti annuncia "La Regione sarà parte civile"


Sull'inchiesta della procura di Roma, il governatore del Lazio: "Ci costituiamo per difendere gli interessi e l'immagine dell'amministrazione. Sull'ipotesi di un nuovo commissariamento sosterremo le scelte di Marino e Orlando". Il sindaco: "Stiamo pensando a una piccola discarica di servizio"

"Quando ci sarà il processo, la Regione Lazio è pronta a costituirsi parte civile, per difendere gli interessi e l'immagine dell'amministrazione, nei confronti dei dirigenti e dei funzionari accusati di reati commessi fino al 2012". Lo ha annuncito il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, riferendosi all'inchiesta della Procura di Roma sulla gestione dei rifiuti nel Lazio che ha portato all'arresto di Manlio Cerroni, patron della discarica di Malagrotta. Che verrà interrogato la prossima settimana: dovrà rispondere alle domande del gip Massimo Battistini, lo stesso che ha firmato il provvedimento cautelareIn totale sono sette le persone arrestate dai carabinieri del Noe di Roma, tra queste, oltre al proprietario dell'area della discarica di Malagrotta, Manlio Cerroni, anche l'ex presidente della Regione Lazio Bruno Landi. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata al traffico di rifiuti.

Sulla possibilità di un nuovo commissariamento dell'emergenza rifiuti della capitale dopo la scadenza dell'incarico del prefetto Goffredo Sottile, Zingaretti ha precisato: "Ne parleranno la prossima settimana il ministro Orlando e il sindaco Marino. Noi sosterremo in tutto e per tutto le scelte che si faranno".

Sulla gestione dei rifiuti a Roma, Marino ha le idee chiare, passare dalla chiusura più grande discarica d'Europa a una piccola di servizio. Roma vuole, così, lasciarsi definitivamente alle spalle il passato ed entrare nel futuro della gestione del ciclo dei rifiuti. "In passato è stata concentrata soprattutto su una 'grande buca', la discarica di Malagrotta, la più grande d'Europa, 240 ettari nel cuore della nostra città. Una 'ferita'à che doveva essere chiusa sette anni fa, che ci è costata pesanti sanzioni dall'Unione Europea, di cui ogni anno è stata prorogata la chiusura. Al nostro insediamento, ci siamo prefissi di chiuderla entro l'inizio dell'autunno ed il 30 settembre 2013 l'abbiamo chiusa per sempre - ha affermato il sindaco - Abbiamo aumentato la raccolta differenziata, passata da poco più del 20% a sfiorare il 40%. Non vogliamo inceneritori o termovalorizzatori, che sono pericolosi per ambiente e salute, ma vogliamo approdare al riutilizzo dei materiali recuperabili nella creazione di nuove energia attraverso i Biedigestori di rifiuti organici, con cui produrre

 gas e quindi energia. In questo momento i rifiuti di Roma vanno in quattro impianti che li trattano, quelli non differenziati vengono temporaneamente portati al Nord, perché stiamo anche lavorando alla predisposizione di una piccola discarica di servizio. Inoltre, abbiamo affidato ad una persona competente, che ha già gestito la situazione in Emilia Romagna, Liguria e Piemonte, la responsabilità da lunedì, della gestione dei rifiuti a Roma"

Commenti

Post popolari in questo blog

Ordinanza cautelare e decreto sequestro

SABATO 11 GENNAIO 2014       ordinanza cautelare e decreto sequestro. rifiuti Roma Latina 1a parte Cerroni Landi Rando Sicignano Fegatelli De Filippis Giovannetti   N. 7449/2008 R.G.N.R. N. 13928/2008 R.G.GIP T R I B U N A L E O R D I N A R I O D I R O M A   SEZIONE DEI GIUDICI PER LE INDAGINI PRELIMINARI - UFFICIO 5° (tel. 0638792047 – fax 0638792548) ORDINANZA APPLICATIVA DI MISURE CAUTELARI PERSONALI   E DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO - art. 272 e seg., 321 c.p.p. -    Il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale Ordinario di Roma, ufficio 5°, dott. Massimo Battistini, letti gli atti del procedimento penale recante i numeri suindicati nei confronti di:   1. 1. CERRONI Manlio nato il 18 novembre 1926 a Pisoniano (RM) , ivi anagraficamente residente in via Colle n. 42, residente di fatto in Roma, Piazzale Roberto Schuman n. 29, elettivamente domiciliato presso   l’avv. Giorgio Martellino con studio in Rom

I PROBLEMI DI MARCO SIMONE

RACCOLTE DI FIRME FINITE NEL DIMENTICATOIO: A MARCO SIMONE CHIEDONO SOLUZIONI PER TROPPI E GRAVI DISSERVIZI di Simona Boenzi Allagamenti, fogne che straripano, segnaletiche inesistenti, mezzi per il trasporto pubblico e scolastico che funzionano a metà, dossi e messa in sicurezza delle vie, marciapiedi che restano nei sogni dei residenti, scuole, parchi pubblici. Un elenco di disservizi lungo così solo per una circoscrizione che fa parte del comune di Guidonia Montecelio, terzo nel Lazio: Marco Simone. Un elenco di richieste e petizioni raccolte, indirizzate ai settori preposti, protocollate e finite nel dimenticatoio di qualche cassetto negli uffici comunali. Per l'ennesima volta i cittadini si ritrovano e ricominciano ad esporre tutto quello che non va. Lo hanno fatto anche stamattina a via Polibio, nel parco che loro stessi curano, una piccola isola "verde" per anziani e bambini e per incontrarsi e discutere. Ciò che preoccupa maggiormente è l'arr

Analisi ARPA Lazio sulla falda inquinata all'Inviolata di Guidonia

La situazione, dopo oltre sette anni di interventi è lontana dall'essere risolta, anche a causa di ritardi ed omissioni da parte dei vari soggetti istituzionali coinvolti. Leggi qui il comunicato:  http://www.aniene.net/ scarica/2019/ 2019-02-20_Comstampa-analis i-acque-falda-arpa.pdf